90 anni di storia

Le prime penne Pilot furono lanciate in Giappone nel 1918. In quel momento il paese si stava aprendo a nuove influenze occidentali e tecnologie europee.

Furono firmati numerosi accordi e contratti commerciali ma ma la lingua giapponese, la cui scrittura risultava poco adatta alle esigenze commerciali, ha dovuto semplificare la propria struttura adottando le norme standard di calligrafia internazionale. In quel periodo furono fondate molte aziende produttrici di penne.

Ryosuke NAMIKI, un ingegnere meccanico e professore al College della Marina Mercantile di Tokyo, era particolarmente affascinato dalla semplicità delle attuali penne stilografiche soprattutto per il flusso continuo del loro inchiostro. Tuttavia, allo stesso tempo, era fermamente convinto di alcune loro imperfezioni.

Grazie alle sue doti in ambito di ingegneria industriale creò un prototipo di alta qualità. Dopo aver formato ed istruito un gruppo creò insieme ad uno dei suoi colleghi, Masao WADA, la NAMIKI MANUFACTURING COMPANY e avviò quindi la produzione di penne stilografiche.

In omaggio ad una passione comune ad entrambi, ovvero il mare, utilizzarono il marchio PILOT riferendosi alla nave ammiraglia della flotta.

Nel 1938 l’azienda divenne la PILOT PEN Co Ltd e successivamente nel 1989 PILOT CORPORATION, un nome moderno che racchiude decenni di innovazione, creatività  e design che hanno permesso al marchio PILOT di posizionarsi come leader mondiale nel campo della tecnologia di strumenti per scrittura.